Il paper di Ibl: “Tic nazionalista, nulla da temere”

L'Istituto Bruno Leoni si schiera a favore dell'operazione americana e accusa i fautori del Golden Power

24 Novembre 2021

CorCom

Argomenti / Ambiente e Energia Politiche pubbliche

“Il titolo Telecom Italia è ancora troppo sottovalutato, quindi il valore di 0,5 euro ad azione, proposto da Kkr, è troppo basso, il valore opportuno sarebbe tra 0,7-0,8 euro per azione”: questa la posizione di Asati, l’associazione che rappresenta i piccoli azionisti di Telecom Italia, messa nero su bianco dal presidente Franco Lombardi in una lettera agli azionisti.

Asati considera positiva l’attenzione del fondo americano e la proposta di acquisto del 100% delle azioni ordinarie e di risparmio – “si mette un punto fermo nella disputa in atto tra Vivendi e il top management dell’azienda” – ma non concorda sulla proposta economica. L’Associazione tiene inoltre alta la guardia sul futuro dell’azienda: “Asati è fortemente contraria ad un eventuale spezzatino da parte del compratore che penalizzerebbe ulteriormente l’azienda. Gli asset importanti e pregiati, come Sparkle, Tim Brasil, la rete, o Noovle, devono rimanere uniti”. Pieno sostegno l’Ad Luigi Gubitosi: “Siamo contrari ad un eventuale cambio dei vertici. Questi ultimi due cda straordinari sono serviti in qualche modo ad aumentare la tensione sulla dirigenza”. In conclusione della missiva Asati “consiglia a tutti gli azionisti di mantenere le attuali posizioni in attesa di una contro offerta migliore che possa essere avanzata a breve dall’azionista di riferimento Vivendi e soprattutto dalla posizione del governo italiano attraverso Cdp”.

continua a leggere sul sito del Corriere delle Comunicazioni

oggi, 18 Luglio 2024, il debito pubblico italiano ammonta a il debito pubblico oggi
0
    0
    Il tuo carrello
    Il tuo carrello è vuotoTorna al negozio
    Istituto Bruno Leoni