«Il capitalismo unico sistema etico». In primo piano le teorie di Salin

Il Professore francese è in Italia per presentare il suo ultimo libro edito da Liberilibri

10 Novembre 2014

Il Cittadino

Argomenti / Teoria e scienze sociali

Liberarsi dalla schiavitù e tornare alla libertà di intraprendere e trattare. È il principio che ha guidato l’economista francese Pascal Salin nella stesura del suo ultimo libro Liberiamoci!, pubblicato da Liberlibri e tradotto dal consigliere comunale lodigiano Lorenzo Maggi. Proprio Maggi, venerdì sera, ha accolto in sala Granata l’esperto e docente dell’Université Paris Dauphine, nonchè capofila della Scuola austriaca di economia in Francia, per parlare ai lodigiani della sua ultima fatica letteraria.

All’incontro, organizzato dall’associazione Lodi liberale (di cui Maggi è segretario), hanno partecipato anche il presidente Giulio Montini, e Alberto Mingardi, direttore dell’Istituto Bruno Leoni, nel ruolo di interprete. «Le persone sono insoddisfatte, riconoscono che il nostro sistema ha fallito, ma non sanno perchè», è questo l’assunto da cui è partito Salin, cercando poi di spiegarne le cause profonde: «Le persone vogliono sempre essere libere, ma per esserlo richiedono benefit allo Stato: privilegio chiama privilegio, intervento chiama intervento, e più lo Stato interviene più le cose peggiorano e si crea un circolo vizioso». Secondo lo studioso il problema risiede soprattutto nell’incapacità dei politici di comprendere i motivi che spingono le persone ad agire: «Chi governa ha detto cerca di modificare solo ciò che è visibile e non si chiede perché sia così». Un esempio lampante è il caso del blocco dei fitti in Francia: «La classe politica fa un regalo a un pezzo del corpo elettorale, cioè gli affittuari, che si pensa siano sfruttati dai proprietari di immobili.

Si fissa quindi un prezzo massimo, ma la conseguenza inaspettata è che diminuisce di molto l’incentivo a costruire nuove case e a mettere a rendita quelle che esistono già». Altra questione scottante è la regolamentazione del mercato del lavoro: «Tutti i sistemi economici sono improntati a una logica marxista secondo cui i salariati sono sfruttati dai datori di lavoro», mentre a detta del professore «il capitalismo è l’unico sistema che abbia delle fondamenta etiche» perché capace di garantire la libertà contro il pericolo della discrezionalità dei governanti.

Da Il Cittadino, 10 novembre 2014

oggi, 29 Maggio 2024, il debito pubblico italiano ammonta a il debito pubblico oggi
0
    0
    Il tuo carrello
    Il tuo carrello è vuotoTorna al negozio
    Istituto Bruno Leoni