I consigli anticonformisti di zia Deirdre. Più mercato e virtù borghesi, McCloskey contro Piketty (e 3 Nobel)

L'Istituto Bruno Leoni ha ora tradotto e pubblicato il suo libro “I vizi degli economisti, le virtù della borghesia” del 1997

13 Ottobre 2014

Il Sole 24 Ore

Argomenti / Teoria e scienze sociali

Un po’ annoiati per lo scorrere continuo delle “solite” ricette-prediche degli economisti? Stanchi delle disquisizioni europee sulla flessibilità di bilancio e i suoi margini? Volete leggere qualcosa di nuovo sull’economia (anche se dato per la prima volta alle stampe nel 1997)? Non vi piace l’ultima moda, il “PIKETTY- pensiero” (nel senso di Thomas Piketty, l’economista francese autore del libro di culto “Il Capitale nel XXI secolo”)? Volete un giudizio anticonformista sull’Italia? Bene, allora i consigli di “zia Deirdre”, come si autodefinisce, fanno al caso vostro. Una buona lettura per il fine settimana.

Zia Deirdre (che prima era un lui, qui tutto quello che volete sapere su di lei) è Deirdre N. McCloskey, autorevole economista e storica all’Università dell’Illinois a Chicago e all’Università di Gothenburg in Svezia. Meritoriamente, l’Istituto Bruno Leoni (IBL) ha ora tradotto e pubblicato il suo libro “I vizi degli economisti, le virtù della borghesia” del 1997. La McCloskey (qualche giorno fa il “Financial Times” ha raccolto il suo parere sulla crisi della classe media) si paragona nel libro “ad una zia affettuosa, decisa a correggere un nipote dal grande potenziale che però ha preso delle cattive abitudini”. Già, perché “quasi tutta la produzione ‘scientifica’ in campo economico, la maggior parte di ciò che appare sulle riviste di settore, non è solo banale -dopotutto, il grosso della scienza è banale, altrimenti avremmo tutti i giorni scoperte come quelle di Newton o di Einstein – è anche sbagliata”.

Leggi il resto su Il Sole 24 ore, 13 ottobre 2014

oggi, 24 Maggio 2024, il debito pubblico italiano ammonta a il debito pubblico oggi
0
    0
    Il tuo carrello
    Il tuo carrello è vuotoTorna al negozio
    Istituto Bruno Leoni