Guardate la luna della PA, non il dito di McKinsey

È indubbio che la nostra pubblica amministrazione abbia un serio deficit di competenze

9 Marzo 2021

IBL

Argomenti / Politiche pubbliche

La polemica sulla consulenza di McKinsey al Ministero dell’economia per la redazione del Piano nazionale di ripresa e resilienza è semplicemente assurda, ma aiuta a mettere a fuoco alcuni pregiudizi consolidati nella nostra società (e certi limiti strutturali della pubblica amministrazione).

Nei giorni scorsi, molti hanno accusato il Mef e Daniele Franco di avere esternalizzato la scrittura del Pnrr a una “multinazionale straniera”. Non è così. Lo ha chiarito il Ministero stesso in una nota, in cui riporta il valore economico della consulenza (25 mila euro) e il suo oggetto (“l’elaborazione di uno studio sui piani nazionali ‘Next Generation’ già predisposti dagli altri paesi dell’Unione Europea e un supporto tecnico-operativo di project-management per il monitoraggio dei diversi filoni di lavoro per la finalizzazione del Piano”).

Al di là degli aspetti formali, ci sono due questioni di sostanza. La prima riguarda la funzione dei consulenti, che vengono regolarmente utilizzati dai governi di tutti il mondo (oltre che, ovviamente, dalle imprese private). Le società come McKinsey sostengono i committenti nella costruzione di scenari e analisi, nelle attività di ricerca di dati e informazione e nella loro elaborazione. Ma l’output del loro lavoro dipende sia dall’atteggiamento dei committenti, sia dal mandato ricevuto: l’idea stessa che un governo possa delegare a un consulente la scelta dei progetti e degli assi portanti di un piano da centinaia di miliardi di euro dice più su chi lancia l’accusa che su chi deve difendersene.

C’è, in ogni caso, una questione di sostanza: sebbene il ricorso ai consulenti sia normale e consueto, è indubbio che la nostra pubblica amministrazione abbia un serio deficit di competenze. E’ qui che si gioca una delle grandi partite del Governo Draghi: i pensionamenti di questi e dei prossimi anni (peraltro favoriti da Quota 100) determinano l’esigenza di nuove assunzioni. Se c’è un momento in cui la riconversione digitale della PA è necessaria, è proprio adesso: in modo da utilizzare i concorsi per attrarre professionalità in grado di interpretare un ruolo diverso del settore pubblico, e non semplicemente rimpiazzare chi esce. Qualunque impresa privata cambia, nel tempo, le caratteristiche professionali dei suoi addetti, sia investendo in formazione, sia approfittando del turnover tra i dipendenti: è l’ora che lo faccia anche lo Stato, in modo da eliminare ogni dubbio sul fatto che i consulenti (che continueranno a esserci) svolgano un lavoro complementare a quello delle strutture esistenti e non di supplenza.

9 marzo 2021

oggi, 24 Maggio 2024, il debito pubblico italiano ammonta a il debito pubblico oggi
0
    0
    Il tuo carrello
    Il tuo carrello è vuotoTorna al negozio
    Istituto Bruno Leoni