Dario Stevanato
Focus
Extraprofitti: una tassa ingiusta, inutile e dannosa
Non un'addizionale, non una maggiorazione dell'aliquota Ires: il tributo "ibrido" è di dubbia costituzionalità
Nel recente decreto Energia varato dal governo è prevista una tassa sui cosiddetti "extra-profitti" delle aziende del settore. Ma tale provvedimento presenta molti elementi di criticità.

Prima di tutto, come illustra Stevanato, trattandosi non già di una addizionale o maggiorazione dell’aliquota Ires, bensì di un nuovo tributo dal carattere ibrido, sul 'valore aggiunto', istituito con decreto legge, viene violato l’art. 4 dello Statuto dei diritti del contribuente, che vieta l'istituzione di nuovi tributi con decreto-legge. Ma ad essere violati potrebbero essere anche alcuni articoli della Costituzione (artt. 3 e 53), poiché va verificato il profilo di coerenza tra gli obiettivi e scopi del prelievo straordinario e la struttura dell’imposta, che deve essere coerente rispetto alla sua ratio giustificatrice.

Vi sono anche altri elementi di criticità, che lasciano presagire un percorso accidentato per il prelievo “ibrido” in questione. Se ne conclude che forse una prospettiva per salvare il prelievo straordinario dalle più gravi censure di costituzionalità sopra prospettate potrebbe fondarsi sulla sua natura eccezionale e temporanea, profili cui la Corte Costituzionale ha talvolta attribuito rilevanza proprio nell’ottica di un 'salvataggio', ma non si può oggi dire se ciò sarà sufficiente: come recentemente precisato proprio dai giudici costituzionali, di per sé... la temporaneità dell’imposizione non costituisce un argomento sufficiente a fornire giustificazione a un’imposta, che potrebbe comunque risultare disarticolata dai principi costituzionali (sentenza nn. 288/2019; 262/2020).