Così Einaudi fissò i limiti alla democrazia

Il volume curato da Alberto Giordano propone una scelta di scritti dello statista a 60 anni dalla sua morte

14 Novembre 2021

Il Giornale

Argomenti / Teoria e scienze sociali

Almeno non usate Luigi Einaudi e il liberalismo a sproposito. Almeno quando ci chiudete, proibite, fornite lasciapassare e comandate, non definitevi liberali. Il che non sembra, ancora, del tutto obbligatorio. Sarebbe sufficiente leggere la bella e piccola antologia di scritti liberali che, in occasione dei sessanta anni dalla morte di Einaudi, l’Istituto Bruno Leoni e Alberto Giordano hanno voluto mettere insieme (Luigi Einaudi e la politica).

Il principio fondamentale, e di cui Einaudi e i liberali sono convinti, è che la democrazia, la maggioranza, la legge, le procedure debbano avere dei limiti. «Il liberalismo per l’ex presidente della Repubblica e banchiere centrale è una dottrina di limiti; e la democrazia diventa liberale solo quando la maggioranza volontariamente si astiene dall’esercitare coazione sugli uomini nei campi che l’ordine morale insegna essere riservati all’individuo».

E nella bella introduzione Alberto Giordano scrive: «alla base di tutto si trova la riprovazione di Einaudi riguardo al principio per il quale dovrebbe essere un ideale pensare e agire allo stesso modo». La sintesi perfetta è in quella famosa frase: «l’impero della legge come condizione dell’anarchia degli spiriti» e una «delle principali funzioni attribuite allo stato liberale è precisamente la tutela del diritto al dissenso, alla critica, alla messa in discussione di qualsiasi idea e provvedimento».

La democrazia, scrive ancora Einaudi, «ha necessità di freni, che hanno per iscopo di limitare la libertà di legiferare e di operare dei ceti politici governanti scelti dalla maggioranza degli elettori. In apparenza è violato il principio democratico il quale dà il potere alla maggioranza; in realtà, limitandone i poteri, i freni tutelano la maggioranza contro la tirannia di chi altrimenti agirebbe in suo nome e, così facendo, implicitamente tutelano la minoranza… i freni sono il prolungamento della volontà degli uomini morti, i quali dicono agli uomini vivi: tu non potrai operare a tuo libito».

In fondo è solo un complemento procedurale alla definizione di libertà tout court di Berlin: «L’essenza della libertà è sempre consistita nella capacità di scegliere come si vuole scegliere e perché così si vuole, senza costrizioni o intimidazioni, senza che un sistema immenso ci inghiotta; e nel diritto di resistere, di essere impopolare, di schierarti per le tue convinzioni per il solo fatto che sono tue. La vera libertà è questa, e senza di essa non c’è mai libertà, di nessun genere, e nemmeno l’illusione di averla».

P.S. Fantastico il capitolo, del tutto originale, titolato “Due parole tra di noi. Ai giornalisti liberali”. In cui Einaudi sprona a parlare con un pubblico che non faccia parte solo delle élite con «chiarezza e semplicità, senza per ciò addirittura preparare il bolo alimentare, ma lasciando al prossimo almeno la fatica della masticazione».

da Il Giornale, 14 novembre 2021

oggi, 28 Maggio 2024, il debito pubblico italiano ammonta a il debito pubblico oggi
0
    0
    Il tuo carrello
    Il tuo carrello è vuotoTorna al negozio
    Istituto Bruno Leoni