Cosa significherebbe un governo della Lega per l'Italia

Gli imprenditori del Nord Italia sperano nella vicinanza economica all'Europa. Preoccupazione per l'uscita dall'euro

12 Agosto 2019

Frankfurter Allgemeine Zeitung

Argomenti / Teoria e scienze sociali

La prospettiva di nuove elezioni in Italia e – secondo gli attuali sondaggi di opinione – di una maggioranza stabile per il populista di destra Lega di Matteo Salvini ora porta a previsioni molto divergenti sulla possibilità che un governo Lega possa dare al paese una prospettiva positiva o scenari di catastrofe. Contro la prospettiva di un governo Salvini, Beppe Grillo, il fondatore del movimento di protesta a cinque stelle, afferma: “Mi alzo per salvare l’Italia dai nuovi barbari”. Grillo e altri avversari di Salvini stanno cercando con impazienza motivi per impedire nuove elezioni e un governo Salvini. Salvini continua a chiedere nuove elezioni il più presto possibile per diventare, per quanto possibile, un Primo Ministro con maggioranza stabile e “mano libera” per il lavoro del governo.

Se vincendo le elezioni Salvini possa beneficiare o danneggiare l’economia italiana è lungi dall’essere chiaro, almeno secondo il capo economista di Confindustria, Andrea Montanino. Prima di tutto, Montanino non piange per il governo – non ancora formalmente dimesso – del Primo Ministro Giuseppe Conte: “Obiettivamente parlando, questo governo ha fatto ben poco per far andare avanti l’economia”. L’inaspettata coalizione del movimento a cinque stelle e la Lega ha avuto bisogno di molto tempo per farsi le ossa nei nuovi uffici del governo. Montanino dubita che un governo eterogeneo avrebbe potuto fare molto per la crescita.

Per un governo gestito dalla Lega da sola, ci sono due prospettive molto contraddittorie, dice Montanino. Perché all’interno della Lega non era ancora chiaro se un governo Salvini si sarebbe scontrato con l’Unione Europea o avrebbe seguito un minimo di politica filo-europea. Montanino sottolinea che nella parte più settentrionale del bacino elettorale della Lega, nel Nord Italia, molti imprenditori sono strettamente legati ai clienti europei, in particolare tedeschi. Dipendono dall’esportazione. “Questi imprenditori hanno bisogno del mercato europeo e in realtà vogliono più Europa; dal loro punto di vista, sarebbe necessaria una maggiore integrazione in un mercato unico europeo.” D’altra parte, Montanino vede anche la retorica antieuropea di Matteo Salvini. “Può essere molto pericoloso se questo atteggiamento supera i limiti”, dice.

Molti imprenditori del Nord Italia che sono vicini alla Lega, tuttavia, sperano che con una possibile vittoria della Lega a medio termine, con un governo più stabile, le prospettive per l’economia potrebbero essere migliori. Alla base c’è l’idea che in passato la Lega ha sempre agito come rappresentante delle migliaia di piccoli imprenditori nel Nord Italia. Ma Alberto Mingardi, il direttore generale dell’Istituto Bruno Leoni, liberista e indipendente, è pessimista su questa prospettiva. “La Lega non è più l’unione del Nord, in linea con la parte più produttiva del Paese”, afferma Mingardi. Al contrario, la Lega è diventata un partito nazionale, con una bandiera che era sempre stata popolare in Italia – quella della spesa pubblica. Salvini ha abbandonato qualsiasi retorica della lotta contro gli sprechi e ora propugna più o meno velatamente un aumento della spesa pubblica, compreso più deficit, spiega Mingardi.

Per un docente di economia, il liberale Nicola Rossi, la prospettiva di un governo stabile con un programma chiaro e praticabile sarebbe fondamentalmente un progresso. Perché per i consumatori e le aziende ci saranno chiari punti di riferimento. Tuttavia, può accadere che un governo Salvini, pur avendo una chiara maggioranza parlamentare, non possa contare su un ambiente economico stabile. “È legittimo presumere che le questioni di bilancio possano essere un grave motivo di conflitto con l’Unione europea”, afferma Rossi. “Bastano per portare l’Italia in una fase di nuova e profonda insicurezza”.

Il professore di economia Carlo Alberto Carnevale Maffe, che insegna all’università Bocconi di Milano, è particolarmente scettico sulle prospettive di un capo del governo Salvini. “Certo, c’è anche una prospettiva in cui un governo Salvini non sarebbe più considerato pericoloso dal mondo industriale e finanziario”, afferma Carnevale Maffè. Questo sarebbe vero se Salvini avesse rinunciato alla sua minaccia di uscita dall’euro e agli interventi dei dirigisti nell’economia, se si fosse chiaramente impegnato ad ancorare l’Italia nelle alleanze europee e atlantiche. “Ma questo non sarebbe più Salvini”, afferma lo studioso. Dal punto di vista di Carnevale Maffè, che insegna in varie scuole di economia, Salvini ha esperienza professionale solo come presentatore di “Radio Padania”. Per quanto riguarda le questioni economiche, Salvini non ha mai avuto alcuna conoscenza dei contenuti e non aveva credibilità internazionale.

Da Frankfurter Allgemeine Zeitung, 12 agosto 2019

oggi, 12 Luglio 2024, il debito pubblico italiano ammonta a il debito pubblico oggi
0
    0
    Il tuo carrello
    Il tuo carrello è vuotoTorna al negozio
    Istituto Bruno Leoni