Prima dell'autonomia, si decida cosa fare delle finanze regionali

È necessario capire come il governo intende sostituire il gettito oggi derivante dall'Irap

23 Gennaio 2023

Il Foglio

Nicola Rossi

Argomenti / Politiche pubbliche

Non si dà una vera riforma fiscale – che contempli una apprezzabile riduzione della pressione fiscale – senza una autentica, incisiva (e, si dovrebbe aggiungere, difficile) attività di revisione della spesa. Ma senza una vera riforma fiscale, ogni tentativo di autonomia differenziata è destinato a riproporre il tema di fondo che ci accompagna dal momento in cui si pensò di dare concreta attuazione al dettato costituzionale istituendo le regioni a statuto ordinario. Quello di un trasferimento di competenze cui non corrisponde un trasferimento di capacità impositiva. Quello di un’autonomia che non è accompagnata da una concreta responsabilità fiscale. Ci perdonerà il presidente del Consiglio ma non è il presidenzialismo il naturale compagno di strada dell’autonomia differenziata. E non solo per l’evidente disallineamento nelle rispettive tempistiche di approvazione e attuazione dei provvedimenti di legge.

Continua a leggere su ilFoglio.it

oggi, 24 Maggio 2024, il debito pubblico italiano ammonta a il debito pubblico oggi
0
    0
    Il tuo carrello
    Il tuo carrello è vuotoTorna al negozio
    Istituto Bruno Leoni