L'accisa mobile: la finta soluzione di un problema che non c'è

Pochi centesimi di taglio che scatterebbe solo con un aumento del petrolio sopra gli 89,9 dollari al barile

17 Gennaio 2023

Il Foglio

Carlo Stagnaro

Direttore Ricerche e Studi

Argomenti / Ambiente e Energia Politiche pubbliche

Con l’accisa mobile il governo Meloni risolve un problema che non c’è. O, per essere più precisi, risolve un problema che esiste solo sui giornali. I rincari dei carburanti sono in linea col ritorno al livello ordinario delle accise (anzi, leggermente al di sotto). Anche nel confronto internazionale non sembrano esserci anomalie. Secondo l’ultimo monitoraggio settimanale della Commissione europea (basato sui prezzi rilevati il 9 gennaio), benzina e gasolio costano in Italia meno della media Ue (lo stacco è rispettivamente 3,8 e 8,6 centesimi al litro). Lo “sconto Italia” è addirittura cresciuto rispetto ai primi giorni dell’anno ed è in linea coi valori della fine del 2022.

Continua a leggere su ilFoglio.it

oggi, 24 Luglio 2024, il debito pubblico italiano ammonta a il debito pubblico oggi
0
    0
    Il tuo carrello
    Il tuo carrello è vuotoTorna al negozio
    Istituto Bruno Leoni