Addio a Giuliano Gennaio
L’improvvisa morte di Giuliano Gennaio ha colpito con la sua inspiegabile crudeltà chi ha avuto la fortuna di conoscerlo. La comunità di coloro che in Italia si richiamano ai valori di libertà piange un suo animatore entusiasta e…
L’improvvisa morte di Giuliano Gennaio ha colpito con la sua inspiegabile crudeltà chi ha avuto la fortuna di conoscerlo.
La comunità di coloro che in Italia si richiamano ai valori di libertà piange un suo animatore entusiasta e infaticabile. A 29 anni, Giuliano si era già ritagliato una figura di primo piano, sia per le sue doti intellettuali, sia per la carica di simpatia che sprigionava.
Catanese trapiantato a Roma, dove si era laureato in Scienze politiche alla Luiss, Giuliano era un inesauribile promotore di iniziative culturali.

Con il suo Liberal Café aveva ideato il premio “Liberale dell’anno”, che nell’edizione 2006 aveva visto protagonista anche l’Istituto Bruno Leoni.
Con Terza Repubblica si era dedicato a quella che forse era la sua aspirazione più grande: contribuire alla formazione della classe dirigente del futuro, lui che di questa classe dirigente, di cui l’Italia ha disperato bisogno, avrebbe certamente fatto parte. E questo, se possibile, rende ancora più triste la sua scomparsa. L’intelligenza di Giuliano era tutta proiettata al domani, ma lui ci ha lasciato in un oggi che già avverte la sua mancanza.
L’Istituto Bruno Leoni si unisce al cordoglio di tutti coloro che stanno manifestando il loro smarrimento per un lutto così grande.

Sia concesso un ricordo personale.
Un paio di anni fa, mi fu chiesto di organizzare una serie di incontri di cultura politica in provincia di Frosinone. Una giornata doveva essere dedicata ai giovani e al loro ruolo di futura classe dirigente. Chi meglio di Giuliano poteva incarnare lo spirito dell’iniziativa? Non solo accettò con il suo inesauribile entusiasmo di partecipare all’incontro, ma fu lui il vero organizzatore del dibattito, tirando fuori dalla sua rete di conoscenze altri coetanei di livello che io mai avrei potuto mettere insieme. La giornata fu un successo e diede l’impressione a chi aveva partecipato che, con giovani come Giuliano, si poteva riporre grande fiducia negli adulti di domani.

Chi lo ha conosciuto potrà dargli l’ultimo saluto oggi 23 aprile, nella Chiesa di San Lorenzo in Lucina a Roma, alle 10.
Privacy Policy
x